Quodli(Blog)

Seleziona una o più categorie per l'elenco degli articoli disponibili.

Cucciolo in arrivo!


Lettiera La lettiera deve essere sufficientemente spaziosa perché il gatto ci si trovi a proprio agio e possa muoversi con comodità. Ce ne sono di vari tipi, ma noi consigliamo una lettiera chiusa, privata della porticina, perché garantisce una maggiore privacy e senso di sicurezza e si disperde meno sabbia sul pavimento quando il gatto esce o copre i suoi bisogni. Per ovviare a questo problema, esistono tappetini di gomma da mettere all'imboccatura, così che i granelli di sabbia vi restino impigliati limitando al minimo la dispersione nell'ambiente. I nostri gatti sono abituati a sabbietta agglomerante ( quella che " fa la palla") di tipo finissimo, la più " naturale" per l'etologia del gatto, in quanto è la più simile, per consistenza, a quella che verrebbe preferita se potessero scegliere. Meglio se è priva di profumazioni. Ci sono anche altri tipi di lettiera: agglomerante con grana più grossa, naturale ( fatta di mais, legno, orzo,...), ecc. Se desiderate cambiare tipo, consigliamo comunque di attendere che il gatto si sia perfettamente ambientato nella sua nuova casa, per evitare troppi cambiamenti di abitudini. Nella cassetta ci devono essere sempre 5-7 cm. di sabbia, da rabboccare quando lo spessore si sarà ridotto. Ogni tanto la lettiera va completamente rinnovata e la cassetta + paletta lavata e igienizzata con detersivi opportuni ( igienizzanti o disinfettanti) e/o con vapore. Per la sabbia finissima è necessaria una paletta a rete stretta, per la pulizia. La cassetta va posizionata in un luogo appartato, ma facilmente raggiungibile. Se la casa è molto grande, consigliamo almeno due lettiere, soprattutto quando il gatto è piccolo. In presenza di più gatti, è necessario moltiplicare il numero delle cassette e posizionarle in zone diverse dell'abitazione. I comportamentalisti ricordano che il numero ideale di lettiere è numero di gatti+1. Quando il gatto ha accesso a tutta la casa, fategli vedere bene dov'è la lettiera, in modo che non sia disorientato e la sappia trovare subito. Ciotole Le ciotole di acqua e cibo devono essere posizionate lontano dalla lettiera. Consigliamo quelle in acciaio o ceramica, più igieniche di quelle in plastica. Il gatto deve avere a disposizione sempre acqua fresca ( va rinnovata una-due volte al giorno) anche se un gatto in salute beve pochissimo, soprattutto se alimentato a cibo umido. Nel caso di un'alimentazione prevalentemente a base di secco ( crocchette), il gatto andrà stimolato a bere più di quanto non farebbe. Farlo giocare con acqua corrente ( molto gradita) o usare fontanelle può essere una soluzione. Bisogna invece ricordarsi di impedirgli di bere l'acqua del water, dei sottovasi o comunque stagnante, perché vi si possono annidare germi o parassiti. In Caso di un'alimentazione a base di umido ( crudo, scatolette), il cibo va posizionato nella ciotola all'ora dei pasti, ma poi sottratto dopo qualche tempo per evitare deterioramenti. Se possibile, suddividere la dose giornaliera in più pasti di piccole dimensioni, modalità più naturale per il gatto. Consigliamo di non dare mai comunque meno di due pasti al giorno. Nel caso il gatto mangi un'alimentazione mista, ricordarsi di non eccedere la dose consigliata: evitate cioè di sommare la quantità di crocchette prescritta per un giorno alla quantità di umido sempre previsto per un giorno! Le crocchette ( sempre nella dose prevista) si possono lasciare sempre a disposizione, in quanto meno deteriorabili dell'umido. In questo caso la ciotola sarà posizionata lontano dall'acqua. Tiragraffi È un elemento fondamentale: non solo serve per farsi le unghie ( necessità insopprimibile per un gatto), ma è anche utilissimo come palestra per distrarsi ed esercitarsi. Il tiragraffi deve essere molto robusto e stabile. Deve avere almeno un palo alto circa 90-100 cm, di almeno 10 cm. di diametro. Questo perché il gatto, facendosi le unghie, si stiracchierà alzando le zampe anteriori ed estendendo così tutta la schiena. Un palo troppo corto verrà ignorato. La cosa ideale sarebbe che il grattatoio avesse anche alcune postazioni per il riposo, da raggiungere con salti o scalate, sempre molto apprezzate e usate. Ci sono moltissimi tipi di tiragraffi, reperibili in rete, in Italia e all'estero, con parti intercambiabili, sostituibili, interamente lavabili, a uno o o più pali, più piani, a soffitto ( questi ultimi sono meno ingombranti, come basi), a muro, ecc. Oltre a costituire una postazione di norma prediletta dove giocare e riposare, la presenza di un grattatoio eviterà che il gatto si faccia le unghie sui mobili e sul divano. Anche zerbini in cocco o stuoie in sisal possono essere utili a questo fine. Postazioni per il riposo Si possono fornire al gatto anche cucce, cuscini per riposare, da posizionarsi nei suoi luoghi preferiti per il riposo, in zone tranquille ed appartate, spesso in alto o, di inverno, nei pressi di fonti di calore. Di norma sono preferite chiuse, tipo igloo, anche se sarà il gatto a scegliere dove riposare e se usarle... Arricchimento ambientale Oltre all'indispensabile tiragraffi, altri elementi di arredo possono servire a stimolare il gatto e a garantirgli una vita più naturale: mensole e percorsi sui muri, palestrine dove esercitarsi, ma anche semplici scatoloni ( magari appositamente ritagliati per costruire entrate e uscite), sacchetti di carta dove fare gli agguati, tubi, giochini vari sono tutti elementi che possono rendergli la vita più interessante, ma che non devono sostituire il rapporto con la nuova famiglia: partecipare alla vita quotidiana della propria famiglia è fondamentale per il benessere del gatto, oltre che motivo di continuo interesse e distrazione. I giochi e gli arricchimenti ambientali ( a parte quelli stabili) vanno fatti ruotare, perché dopo qualche tempo il gatto perde interesse. Sicurezza Avere in casa un gatto è come avere un bambino piccolo, molto, molto più agile ed acrobatico. Bisognerà quindi avere alcune precauzioni. La più importante è legata a finestre e balconi. Una semplice zanzariera impedirà che precipiti mentre è all'inseguimento di qualcosa di volante che ha visto fuori. Fornelli, lavatrice e lavastoviglie andranno tenuti sotto controllo, come i cavi elettrici, fili e spaghi, elastici che, se ingeriti, sono molto pericolosi. Attenzione anche a piante tossiche, come la Stella di Natale. Il gatto, di inverno, amerà riposare suo caloriferi: un panno posto su di essi costituirà un ottimo giaciglio ed eviterà che, nel salto, gli artigli si possano incastrare tra i diversi elementi. Sarà poi la vita con il proprio gatto che vi insegnerà a che cosa dovrete porre particolare attenzione.
Autore: Maria Grazia Bregani
Pubblicato il: 25/01/2019 @ 15:57:38
Letture: 253